Border Collie

Storia del nostro allevamento

Alleviamo da oltre vent’anni e da circa quindici anni ci occupiamo di selezionare la razza Border Collie.

I nostri soggetti sono selezionati per la loro morfologia e il loro carattere.

Scegliamo cuccioli di grande tipicità e lavoriamo fin dall’inizio sul loro carattere, esponendoli a stimoli progressivamente crescenti in base all’età, al fine di garantire che entrino nella loro nuova famiglia con sicurezza, predisposti all’apprendimento e all’espressione di sé.

Bordercollieranch Chip

Maschio

Rian di Petrademone

Femmina

Cuccioli

Border Collie: origini e storia

La razza Border Collie è una razza antichissima, probabilmente discendente dal lupo asiatico migrato in Europa con le popolazioni Ariane. Nelle isole Britanniche da circa il 1700 in avanti il lupo si è istinto, per questo motivo i pastori non avevano più la necessità diretta di difendere le greggi da predatori importanti, bensì di spostare lungo tracciati impegnativi, su terreni impervi ed in condizioni climatiche avverse, un alto numero di capi. La necessità di avere cani che conducessero le greggi fu imperante; mediante incroci selettivi debitamente operati selezionarono cani con un intelligenza adattativa molto alta, docili, resistenti, con una frazione predatoria molto alta per “ipnotizzare le pecore” simulando gli attacchi del lupo, ma interrotta nello schema motorio-predatorio, alle prime fasi della sequenza.

In Inghilterra venivano chiamati collie da cooley, stando ad indicare la pecora dal muso nero tipica di quelle regioni. Oppure venivano denominati per gli addetti ai lavori working sheepdog.

Ciò ha fatto si che il collie, impiegato nel duro lavoro delle conduzioni delle greggi, selezionato esclusivamente per ciò che concerneva le sue attitudini ed abilità, abbia avuto un riconoscimento ufficiale molto più recente rispetto alla sua effettiva selezione.

In effetti il border collie, come del resto tutte le razze da lavoro, primariamente non venivano selezionate secondo uno standard morfologico ma per le capacità lavorative, tanto da favorire una diversità di tipo ancora presente nelle varie “linee di sangue”, utile per per avere “vigore ibrido”.

Il Border Collie è uno dei più apprezzati cani da lavoro sportivo. Viene impiegato tuttavia anche per lavori utilitaristici ed operativi come protezione civile e polizia giudiziaria.

Queste eccezionali caratteristiche non sono sfuggite al mondo del cinema che ha impegnato molto spesso questi cani in scene spettacolari grazie alla loro straordinaria intelligenza. Tuttavia se la popolarità ha reso celebre questi stupendi cani rendendoli “l’archetipo del cane intelligente” , dall’altra parte la richiesta di mercato sempre crescente, la riproduzione indiscriminata e tutti i fenomeni del “nostro tempo” legati al marketing hanno fatto si che molti abbiano fatto una scelta errata propendendo per un cucciolo di border collie.

Un cucciolo di border collie deve essere allevato con estrema attenzione. Non è una razza che può essere relegata in giardino o scelta per avere un mero cane da compagnia.

Non si può pensare di tenerlo in casa per giorno o di non fargli fare un percorso educazionale.

La sua enorme duttilità lo porta a fargli prendere tutto seriamente per cui, scegliendo un border collie come compagno di vita, non avete che l’imbarazzo della scelta nel decidere a che disciplina cinofila avviarvi.

Un border collie è una sfida, poiché il suo approccio alla vita è dirompente e senza compromessi. Se volete seguire la sua “filosofia di vita” vi ritroverete a fare una vita più sana, attiva ed a contatto con la natura.

Border Collie

Morfologia: FCI Standard N° 297/ 28.10.2009

Gran Bretagna

Cane da pastore

CLASSIFICAZIONE F.C.I. Gruppo 1 Cani da pastore e bovari (esclusi i Bovari Svizzeri)

Sezione 1.1 Cani da pastore Con prova di lavoro.

Ben proporzionato, dalle linee morbide, mostra qualità, grazia e perfetto equilibrio, associato a sufficiente sostanza in modo da dare l’impressione di resistenza. E’ indesiderata ogni tendenza alla grossolanità o a eccessiva magrezza.

Cranio e muso approssimativamente della stessa lunghezza.
La lunghezza del corpo è leggermente superiore all’altezza alla spalla

Cane da pastore tenace e strenuo lavoratore, di grande docilità. Sveglio, attento, responsabile e intelligente. Né nervoso né aggressivo.

Cranio piuttosto ampio, occipite non pronunciato.

Stop ben distinto

Tartufo: nero, tranne nei soggetti color cioccolato o marrone, dove può essere
marrone.

Nei blu dovrebbe essere color ardesia.

Narici: ben sviluppate.

Muso: si restringe verso il tartufo; è moderatamente corto e forte.

Mascelle/denti: denti e mascelle forti, con una perfetta, regolare e completa
chiusura a forbice (i denti superiori strettamente sovrapposti agli inferiori e impiantati perpendicolarmente nelle mascelle).

Guance: non piene o rotonde.

Occhi: distanziati, di forma ovale, di media misura, di colore marrone tranne che nei soggetti “merle” dove un occhio o ambedue, o parte di uno o dei due possono essere blu. Espressione mite, sveglia, attenta e intelligente.

Orecchi: media misura e tessitura, ben distanziati. Portati eretti o semi-eretti e molto sensibili.

Di buona lunghezza, forte e muscoloso, leggermente arcuato e che si allarga verso le spalle.

dall’aspetto atletico. Leggermente più lungo dell’altezza al garrese.

Rene profondo e muscoloso, ma (ventre) non retratto.

Torace profondo e piuttosto ampio, con costole ben cerchiate.

Moderatamente lunga, con l’ultima vertebra che arriva almeno al garretto; inserita bassa, ben fornita di pelo e con una curva finale verso l’alto; completa elegantemente la sagoma e l’armonia del cane. La coda può essere alzata quando il cane è eccitato, mai portata sul dorso.

Arti paralleli se visti dal davanti, con ossatura forte ma non pesante.

Spalle ben inclinate all’indietro.

Gomiti aderenti al corpo
Metacarpi leggermente obliqui se visti dal lato.

Piedi anteriori: di forma ovale, con spessi cuscinetti, forti e sani; dita arcuate e serrate.

Unghie corte e forti.

Groppa ampia, muscolosa, in profilo scende elegantemente fino all’inserzione della coda.

Cosce lunghe, profonde e muscolose ben angolate forti, bassi dal garretto al suolo, arti con buona ossatura e paralleli se visti dal dietro.

 

Ginocchia ben angolate.

Garretti forti e bassi.

Metatarsi dla garretto al suolo, arti con buona ossatura e paralleli se visti dal dietro.

Piedi posteriori di forma ovale, con spessi cuscinetti, forti e sani.

Dita arcuate e serrate.

Unghie corte e forti.

Movimento libero, piano e senza sforzo, con un minimo rialzo da terra dei piedi; dà l’impressione di essere in grado di muoversi furtivamente e a grande velocità.

Due varietà:

  1. Moderatamente lungo
  2. Corto

In ambedue i casi: pelo di copertura fitto e di media tessitura, sottopelo morbido e fitto per una buona resistenza alle intemperie.

Nella varietà a pelo moderatamente lungo, il pelo abbondante forma una criniera, culottes e spazzola (coda di volpe).

Sul muso, orecchi, arti anteriori (tranne per le frange), arti posteriori dal garretto a terra, il pelo dovrebbe essere corto e liscio.

Permesse varietà di colori. Il bianco non dovrebbe mai dominare.

Altezza ideale al garrese: Maschi: 53 cm

Femmine: un po’ meno

Qualsiasi deviazione da quanto sopra deve essere considerata come difetto e la severità con cui questo difetto sarà penalizzato deve essere proporzionata alla sua gravità e agli effetti sulla salute e il benessere del cane, e la capacità di svolgere il suo tradizionale lavoro.

DIFETTI ELIMINATORI:

  • Cane aggressivo o eccessivamente timido.

  • Qualsiasi cane che dimostri in modo evidente delle anomalie d’ordine fisico e comportamentale sarà squalificato.

N.B. I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali, completamente discesi nello scroto.